Dal vivo e a colori - Vanillaplan ad appli-tech

Elena Höppner
da Elena Höppner Content Marketing 10.02.2023

La fiera è finalmente tornata! Abbiamo scambiato idee, ascoltato presentazioni, parlato con visitatori, clienti e altre aziende. Abbiamo raccolto e presentato idee, stabilito contatti e sperimentato le ultime tendenze del settore. E siamo anche riusciti a ritagliarci un momento per un caffè. Gli ultimi tre giorni sono stati ricchi di conversazioni stimolanti e impressioni diverse, perché dopo due rinvii a causa del coronavirus, ora siamo finalmente sul posto ad appli-tech. Per dare uno sguardo dietro le quinte di appli-tech, abbiamo intervistato Elio Cavazzutti, direttore della fiera, e Kurt Meier, direttore commerciale di HG COMMERCIALE.

Per l'ottava volta, l'appli-tech di Lucerna ha riunito esperti dei settori della pittura e dell'intonacatura, della costruzione di muri a secco e dell'isolamento. Per tre giorni abbiamo potuto presentare le ultime funzioni di Vanillaplan. Oltre alle interessanti presentazioni del forum specialistico, incentrato principalmente sul tema della sostenibilità, l'evento speciale di quest'anno è stato il "Premio svizzero per l'intonaco e la pittura". Questo premio è stato organizzato per progetti di squadre di artigiani e architetti e i numerosi progetti presentati possono essere ammirati nella mostra dei progetti.

Per conoscere meglio l'organizzazione di appli-tech, abbiamo intervistato il responsabile della mostra Elio Cavazzutti.

"Buongiorno signor Cavazzutti, prima domanda per una classificazione approssimativa: quanti visitatori ed espositori ci saranno all'appli-tech di quest'anno?".

"Ci aspettiamo una stima di 10.000 visitatori alla fine della fiera e ci saranno un centinaio di espositori".

"Appli-tech è stata rinviata due volte a causa del coronavirus. Questo ha cambiato qualcosa in termini di numero di visitatori e di atmosfera qui?".

"Sì, esattamente: appli-tech si svolge in realtà ogni tre anni e l'ultima volta è stata nel 2018. A causa delle misure contro il coronavirus, è diventato chiaro in tempi relativamente brevi che non si sarebbe svolta nel 2021. Per questo motivo, abbiamo offerto un'alternativa digitale in cui gli espositori potevano presentare i loro contributi online e i visitatori potevano visualizzarli e partecipare a presentazioni e webinar. Nonostante l'alto livello di interesse, fin dall'inizio era stata pensata solo come un'alternativa e non come una sostituzione. È bello sentire che c'è bisogno di offrire qualcosa del genere. Naturalmente può essere organizzato anche in forma digitale, ma in loco le possibilità sono completamente diverse: Si possono confrontare i prodotti, toccarli, farsi spiegare qualcosa e, in definitiva, creare fiducia".

"Può darci una breve visione di come funziona la pianificazione delle fiere?".

"Volentieri. Abbiamo indetto la gara d'appalto per gli espositori circa un anno e mezzo fa, seguita da una fase di registrazione più lunga. Poi iniziamo a disegnare il layout dei padiglioni, a definire gli stand e a pianificare tutto il necessario, come ad esempio gli allacciamenti elettrici. Inoltre, è necessario sviluppare il programma di supporto con progetti, conferenze e presentazioni. Qui vogliamo soprattutto dare agli espositori - di fronte a docenti o altri "esterni" - l'opportunità di presentare, sempre che ci sia interesse. L'ultimo passo consiste nell'assicurarsi che un numero sufficiente di visitatori ci raggiunga. A tal fine, facciamo pubblicità attraverso i social media e le riviste di settore, ma anche gli espositori sono il perno di tutto".

"Abbiamo visto la mostra dei progetti per il Plaster and Colour Award. Di cosa si tratta?".

"Il Premio svizzero per l'intonaco e il colore è stato annunciato un anno fa. Gli architetti e gli artigiani possono partecipare come team con un progetto completato in cui - come suggerisce il nome - l'attenzione è rivolta all'intonaco e al colore. Abbiamo ricevuto 26 progetti, che abbiamo esposto qui. Questi saranno selezionati da una giuria di esperti e dal pubblico. Penso che sia un grande progetto perché mostra ciò che è di tendenza e dove ci troviamo al momento".

"Grazie mille per l'intervista"

Dopo questa entusiasmante visione dal lato della fiera, abbiamo condotto un'intervista con Kurt Meier, CSO di HG COMMERCIALE, per avere un'impressione dal punto di vista degli espositori. HGC è il nostro vicino di casa in fiera e dal 2021 facciamo parte del loro programma di affiliazione.

"Salve signor Meier, dopo essere stata rinviata per due volte, finalmente quest'anno appli-tech si svolge di nuovo. Quali sono le sue impressioni finora?".

"Sì, siamo molto contenti che l'appli-tech si svolga di nuovo in loco e che possiamo entrare in contatto con i nostri clienti e gli interessati di persona. Ieri era un po' tranquillo, ma oggi siamo piacevolmente sorpresi. Apprezziamo molto anche la qualità del dialogo che si svolge qui, perché in una fiera come questa sono disponibili le conoscenze necessarie, che spesso mancano nelle fiere pubbliche."

"Quindi qui date priorità al contatto con i vostri clienti?".

"Esattamente, come può vedere, il nostro stand è meno incentrato sulle informazioni sui prodotti e più sull'interazione con i nostri clienti, sullo scambio di idee e sul semplice 'grazie'. Durante Corona abbiamo organizzato eventi per i clienti online, ma non è la stessa cosa. Soprattutto nel settore delle costruzioni, il contatto personale è così importante e questo mancava davvero. Ecco perché siamo estremamente felici di appli-tech così com'è ora".

Ringraziamo Elio Cavazzutti e Kurt Meier per le interessantissime interviste e ci auguriamo di vivere un'ultima giornata di grande impatto in fiera! Non vediamo l'ora di partecipare alla prossima fiera e speriamo di esserci di nuovo!